Quali sono le caratteristiche dei prodotti che rispettano la natura?

Riuso e riciclo, energie rinnovabili e riduzione delle emissioni sono solo alcune delle parole chiave del design sostenibile.

Il tema è da qualche anno al centro del dibattito internazionale tra i teorici del mondo del progetto e dentro le università, nelle facoltà di Disegno industriale.

Le risposte sono complesse, ma alcuni principi generali sono stati acquisiti e sono oggi alla base della progettazione e produzione dei prodotti d’uso di qualità: l’impiego di materiali riutilizzabili, biodegradabili, riciclabili, non tossici, progettati pensando alla lunga vita del prodotto.

Riduzione, riuso e riciclo, montaggio-smontaggio-autocostruzione, uso di energie pulite e rinnovabili, riduzione delle emissioni nocive, scelta dei materiali, analisi, certificazione e dematerializzazione del prodotto-servizio. Sono queste alcune delle parole chiave del design perché possa essere definito sostenibile.

                                           PRENDI UN PRODOTTO CHE ESISTE E MIGLIORALO. SE NON ESISTE, CREALO.

Mc design project italia  ha al suo interno designer esperti dediti sia alla ricerca e sviluppo di nuovi prodotti, sia al restyling e reverse engineering di progetti già esistenti, al fine di renderli più attuali e compatibili con le nuove tecnologie produttive.


Stiamo parlando di Industrial Design, meglio noto come Design Industriale, che comprende l’uso di arti e scienze applicate, per progettare e migliorare un prodotto sotto tutti gli aspetti estetici e tecnici, quali la forma, il colore, il materiale, l’ergonomia, l’usabilità, la funzionalità, la produzione e lo smaltimento.

Il significato di Industrial Design è quindi molto ampio, non si limita infatti alla mera progettazione tecnica di un oggetto, ma implica lo studio del rapporto fra oggetto, utilizzatore e produzione; tenendo oltretutto in considerazione gli scenari di mercato e l’intero ciclo di vita del prodotto.